La mosca 800.jpg

ROBERTO FIORE INTERVISTATO SULLE ELEZIONI

Di Stefano Pantini

24/03/2009

La lista non è stata ammessa alle elezione Regionali del Lazio, è forse un tentativo di celare una realtà di consensi?

il risultato nel Lazio sarebbe certo perchè attorno a me si sono coalizzate molte forze e perchè il sentimento, soprattutto dei romani,

nelle ultime settimane era di rifiuto delle due candidate e quindi di spostamento chiaro verso la mia terza candidatura.

Il meccanismo che ha portato all' esclusione della mia candidatura e di 7 liste che mi appoggiano è risibile, sia dal punto di vista del senso comune, che dal punto di vista giuridico.

Il fatto di aver suppostamente messo una donna in più ( anche se noi contestiamo che sia avvenuto) non potrebbe costituire motivo di esclusione.

Comunque queste elezioni, in virtù degli errori commessi da tutte le istituzioni preposte al corretto svolgimento delle stesse,

rischiano di saltare e dovranno probabilmente essere celebrate nuovamente.

Come si pone per le votazioni nel Lazio, che cosa vuol dire agli elettori che avrebbero votato per lei?

Di non votare Bonino , Polverini perchè il Lazio può aspirare ad una gestione finalmente sganciata dai poteri forti, e che quindi restituisca un profilo popolare alla sanità,

alla gestione delle acque, delle case e che non subisca i diktat di Caltagirone, di Angelucci o di altri poteri forti romani.

Se la Bonino vince finirà come Nathan, dimissionario ed inviso al popolo romano.

Oltre a tutte le altre follie laicistico-massoniche,  fece il grande errore di bloccare le fontanelle romane, in un tentativo antesigniano di privatizzazione delle acque romane

In più le dichiarazioni di Bagnasco se seguite nella sua ineluttabile logica dovrebbero portare o all' astensione o al voto per Forza Nuova.

Infatti questo è l' unico movimento da sempre contro la 194 e contro il riconoscimento delle coppie gay.

Queste elezioni Regionali saranno effettivamente valide?

Penso di no.

Il regolamento imponeva ad esempio la raccolta per la provincia di Roma di 2000/ 3000 firme.

Il Tar in una sua sentenza dove riammette la Lega Italia di Taormina ( a me alleata) dice che le firme da raccogliere erano,

in virtù dello scioglimento anticipato per le dimissioni di Marrazzo,da 1000 a 1500. Quindi il regolamento era errato in un punto fondamentale.

Giovedi il Tar si dovrà pronunciare su questo punto.

 

Come sta procedendo la campagna elettorale nelle altre Regioni?

Sono regioni difficili, dove è fortissima la Lega, ma dove FN e i nostri candidati stanno "eroicamente" lottando contro i nuovi poteri forti della Lega e della Pdl in Piemonte, Lombardia e Veneto.Mentre il nostro candidato toscano ha a che fare in una delle regioni dove ancora esiste il potere sociale del vecchio potere comunista.

Ma sono tanti oramai gli italiani che stanno comprendendo sulla loro pelle che il progetto Berlusconi -Bossi si sta esaurendo in un fallimento,

la rivolta di Via Padova a Milano, l' incedere della crisi con le conseguenti chiusure di migliaia di piccole imprese sono un segnale visibile a tutti.

 

C’è visibilità nei Media per Forza Nuova?

Grazie alla par condicio Forza Nuova in periodo elettorale si sente, ma durante l' anno il silenzio è d'obbligo

Queste elezioni, comunque vadano, che cambiamenti porteranno all’assetto politico Italiano?

Queste elezioni potrebbero significare la fine dell'esperienza unitaria della PDL e dell' invulnerabilità della Lega.

L' estrema sinistra salvo la deriva populista di Vendola scomparrà dalla scena politica.

Dopo le elezioni si aprirà una tumultuosa pagina della storia italiana. E noi saremo fra i protagonisti

 

Dopo le elezioni c’è la possibilità di far nascere una realtà politica che unifichi le varie entità a destra?

Non penso che si debba più parlare solo di destra. Si tratta oggi di accorpare a noi tutte le realtà di destra, populiste, anti banche, tradizionaliste e identitarie.

In questo senso l' esperimento messo su da noi a Roma e assieme a Rabellino  in Piemonte, ha un particolare valore e sarà l' ipotesi politica sulla quale lavoreremo nei prossimi mesi